Mantenere la parola data ai bambini. Stampa

Durata delle adozioni a distanza

L’adozione a distanza non ha una durata di tempo prefissata entro cui deve essere conclusa. Il nostro progetto è di combattere la povertà e la fame con l’istruzione. Quindi la nostra ONLUS desidera che l’impegno di sostegno duri fino al termine dello studio che il minore desidera di fare e diventi un adulto preparato, con la capacità di mantenersi dignitosamente ed autonomamente.

Con l’aiuto del benefattore, noi offriamo al bambino una liberazione permanente dalla schiavitù dell’analfabetismo e lo introduciamo nel mondo del lavoro che gli offrirà uno stipendio con cui egli e la sua famiglia vivranno con maggiore serenità. Ogni bambino istruito è una risorsa per l’umanità intera.

Fortunatamente, il 99.9 % dei benefattori seguono i bambini fino al termine dello studio e si rallegrano vedendo il risultato realizzato e aderiscono ancora nel fare nuove adozioni a distanza sempre con la nostra Associazione.

Comunque, se dovesse succedere che un benefattore si trovasse in condizione di povertà per motivi di perdita di lavoro e di conseguenza di non poter più sostenere il bambino adottato a distanza, è comprensibile che uno receda dall’adozione a distanza. Abbandonare un bambino che si fida del benefattore per il suo futuro, è contro la sensibilità umana e contro la carità cristiana. Quindi, è auspicabile che il benefattore  non interrompa il rapporto con la nostra ONLUS per salvaguardare il progresso scolastico del minore. Infatti, non è giusto spegnere il lume di speranza accesa nella vita di un bambino che si è fidato del benefattore. Ci serve amore che ci spinge al sacrificio per mantenere la parola di speranza data al bambino bisognoso.

Madre Teresa di Calcutta diceva, “Non importa quanto si dà, ma quanto amore si mette nel dare”. Quindi, anche la più modesta delle offerte, unendosi alla solidarietà di molte persone, contribuisce a rendere più efficace la nostra ONLUS che si dedica ad offrire sostegno economico a migliaia di bambini che ne hanno bisogno.

Fratel Matteo Kavumkal

www.adozioniadistanza.net 

“Chi chiude l’orecchio al grido del povero,
invocherà a sua volta 
e non otterrà risposta”. (Pr 20, 13).

“Sconta i tuoi peccati con l’elemosina e le tue iniquità con atti di misericordia verso gli afflitti, perché tu possa godere lunga prosperità, e Dio perdonerà le tue colpe”. (Dn 4, 24).