aderisci-projects

Lingue

Italian Chinese (Simplified) English French German Portuguese Russian Spanish

Caratteri

Due angioletti PDF Stampa E-mail
Mio marito ed io abbiamo un bambino di 11 mesi di nome Davide. Ci riteniamo molto fortunati perché è un bel bambino sano e gli vogliamo molto bene. Abbiamo provato molta gioia alla sua nascita e subito ci siamo ripromessi che prima o poi avremmo fatto qualcosa per il prossimo, un po' per ringraziare Dio per tutto quello che abbiamo ricevuto nella nostra vita e un po' per fare del bene a chi è stato meno fortunato di noi. Abbiamo subito pensato di aiutare un bambino o una bambina che sono la parte più pura e sincera di tutti noi e che saranno il nostro futuro. E cos'è più bello e allo stesso tempo alla portata di tutti di un'adozione a distanza di un bambino?

Siamo venuti a conoscenza di quest'associazione, abbiamo incontrato e conosciuto Fratel Matteo che ci ha ispirato subito grande simpatia e fiducia. Gli abbiamo chiesto di mostrarci i bambini in lista d'attesa. Ha preso tante schede contenenti i dati dei bambini e una loro foto. Sono rimasta impressionata dalla mole di richieste provenienti dall'India, tanta ma tanta carta che racchiude in sé le storie di questi bambini che necessitano di essere aiutati assieme alle loro famiglie.

Mi hanno colpito la bellezza di queste foto, i loro occhi grandi ed espressivi e la testa più grande rispetto al resto del corpo così magro; corporature che sicuramente qui in Italia non si vedono !!!

Non avevamo preferenza sul sesso ed età del bambino, ci premeva solo iniziare quest'opera di bene. Ma quando Fratel Matteo ci ha raccontato che la maggior parte dei benefattori richiede di adottare bambine, il mio sguardo è caduto sulla fotografia di Jerin Jose, un bambino bellissimo di cinque anni. Quando Fratel Matteo ci ha detto che questo bimbo era orfano di padre, Jerin è diventato la nostra scelta definitiva.

Siamo andati a casa con una grande soddisfazione nel nostro cuore, consci una volta tanto di aver fatto un atto di fede e fiducia verso il prossimo. Ora Davide ha un fratellino; sono entrambi due piccoli angioletti!

In seguito ho avuto modo di aiutare Fratel Matteo nel suo lavoro e vedere nel dettaglio con che devozione d'animo e precisione svolge questa missione. Ho potuto constatare le centinaia di lettere che arrivano dall'India ogni giorno; la maggior parte di queste sono richieste d'aiuto da parte di bambini e giovani ed altre sono di ringraziamento per il sostegno ricevuto.

Noi abbiamo appena intrapreso quest'avventura (abbiamo iniziato nel giugno 2005), ma abbiamo le migliori intenzioni di portare a termine il nostro impegno morale verso questo bambino e la sua famiglia. Siamo fiduciosi di fare qualcosa per chi è stato meno fortunato di noi.

Auguro ad altre persone che trovino dentro di sé un motivo per decidere di donare generosamente qualcosa al prossimo: e chi è più in diritto di ricevere un aiuto ad avere un' infanzia serena se non la parte migliore dell'umanità, cioè i bambini?

Una volta qualcuno mi disse: "nessuno è capace di negare ad un bambino una caramella"......Credo che la caramella in questione sia "il diritto di andare a scuola".

Laura
Treviso, 26/08/05